Gran Premio di Montecarlo: finalmente giochiamo la Ferrari!

Il fascino del Principato di Monaco è misterioso, ha origine nel momento in cui si crea quella patina di lusso sfrenato, rimasta intatta nel corso degli anni che, con ogni probabilità, non abbandonerà mai quel piccolo agglomerato di case e alberghi nel quale in tanti vorrebbero vivere.

Chiedetelo ai piloti di Formula 1, trasferitisi in massa proprio a Montecarlo, allettati da una condizione fiscale più che favorevole e pronti ancora una volta a sfrecciare tra le stradine del mitico circuito cittadino, fiore all'occhiello della stagione iridata.

Andiamo a dare un'occhiata a tutto ciò che succederà nel weekend motoristico monegasco, avvalendoci delle quote Formula Uno presenti su Betfair.

Il vedemecum del Gran Premio del Principato di Monaco

  • Il weekend motoristico del Principato di Monaco si snoderà attraverso il weekend che partirà nel primo pomeriggio di venerdì 24 maggio alle 13:30 con le prime prove libere, seguite alle 17:00 dalla seconda sessione. Sabato 25, ancora libere nel fine mattinata, alle 12:30, che faranno da apripista alle qualifiche delle ore 16:00, con il solito format Q1-Q2-Q3. Alle 15:00 di domenica 26 la partenza.
  • Il nome ufficiale dell'edizione di quest'anno è LXXXI Grand Prix de Monaco, mentre il tracciato è da sempre conosciuto semplicemente come "Circuito di Montecarlo".
  • L'intero weekend verrà trasmesso in TV Sky Sport Uno, Sky Sport F1, Sky Sport 4K e in streaming su NOW.
  • Le quote di questo evento sono state raccolte alle ore 15:00 di venerdì 24 maggio.

La storia del Gran Premio di Montecarlo

Di fascino abbiamo scritto in apertura di articolo e del fascino di una corsa tradizionalmente amatissima dobbiamo tenere conto, per parlare della storia di questo Gran Premio.

Storia, sì, intanto perché l'esordio della corsa automobilistica tra le più amate del Pianeta Terra porta la data del 14 aprile 1929, anche se per trovarlo tra le corse valide per il Campionato del Mondo bisogna fare un salto fino al 1950.

Da quel momento il GP di Monaco non ha mai saltato un'edizione, se si escludono quelle di inizio anni '50, segnatamente 1951, 1953 e 1954 e quella che non fu disputata nel 2020 per la pandemia.

Tra le curiosità che non tutti conoscono, c'è certamente quella di alcune deroghe concesse all'Automobile Club de Monaco in ordine alla possibilità che il GP si possa svolgere in un lembo di terra così piccolo, come quella della distanza da percorrere.

Il limite minimo per un Gran Premio deve essere di 305 chilometri, ma, in realtà, a Montecarlo si corre per un totale di 260 chilometri.

Per quanto riguarda invece le vittorie e i record stabiliti nella storia del GP di Monaco, dobbiamo parlarvi delle sei vittorie di Ayrton Senna, un record ancora imbattuto, seguito dai 5 successi a pari merito di Graham Hill e Michael Schumacher.

A 4 successi Alain Prost, mentre a quota 3 troviamo Stirling Moss, Jackie Stewart, Nico Rosberg e l'unico pilota ancora in attività, Lewis Hamilton. Alonso e Verstappen, con due vittorie ciascuno, sono invece i driver che possono ancora migliorarsi.

Per quanto riguarda i costruttori, la Mclaren, con 15 vittorie, è la scuderia che ha vinto il maggior numero di gare a Monaco, seguita dalla Ferrari a quota 9 e da Lotus e Red Bull con 7 trionfi. Tra i fornitori di motori, invece, la Ford Cosworth è la regina, con 13 successi, uno in più della Mercedes e 4 in più della Ferrari.

Il tracciato

Dopo qualche anno, nella scorsa edizione del 2023, il circuito del GP di Montecarlo ha subito alcune modifiche che hanno lasciato il segno, a sentire le reazioni dei piloti.

Trattasi esclusivamente di una nuova mistura che ha permesso all'asfalto di subire un restyling in alcune parti del circuito stesso.

Più in generale la caratteristica forcellina che forma il circuito è stata lasciata integra, con i suoi 260.286 chilometri complessivi da compiere attraverso 78 giri complessivi.

I piloti affronteranno per ciascun giro 19 curve, di cui 11 verso destra e 8 a sinistra, con un solo tratto in cui sarà possibile utilizzare il DRS, nel breve rettilineo di partenza.

Le quote del Gran Premio di Monaco

Passiamo alle quote del GP di Montecarlo, che, manco a dirlo, premiano per l'ennesima volta il cannibale Max Verstappen.

Ogni vigilia di ciascuno dei Gran Premi di quest'anno, anche se sarebbe corretto allargare tale dinamica ai due anni precedenti a questa stagione, appassionati e osservatori provano a trovare un modo per non dare per scontata la vittoria di Max Verstappen, ma, per quanto riguarda il GP di Monaco, le quote sembrano dare molte più speranze.

In effetti un barlume è dato dalla quota di 2,40 assegnata al successo dell'olandese volante delle Red Bull, mai così elevato, non tanto perché si sta riducendo il gap con il resto della compagnia, quanto perché Monaco si è spesso rivelato un terno al lotto per i piloti e le macchine favorite.

Inoltre Leclerc, come si dice ogni anno, corre sul circuito di casa, molto più di qualsiasi altro pilota e la sua vittoria è quella pagata meno, dopo quella di Verstappen, a 2,80.

Ecco la griglia delle quote relative al vincitore del Gran Premio:

  • Max Verstappen 2,40
  • Charles Leclerc 2,80
  • Lando Norris 6,00
  • Oscar Piastri 12,00
  • Carlos Sainz 12,00
  • Sergio Perez 25,00
  • Lewis Hamilton 25,00
  • George Russell 25,00

Quota molto bassa per l'ingresso della Safety Car in pista durante ii 78 giri del Gran Premio, cosa che è accaduta quasi sempre negli ultimi 20 anni.

  • Safety Car in pista "Sì" 1,16
  • Safety Car in pista "No" 4,50

Il nostro pronostico

Abbiamo la possibilità di uscire con il nostro pezzo subito dopo la conclusione delle prime prove libere del venerdì e non vi sono dubbi che qualcosa di particolarmente innovativo potrebbe succedere nella gara di domenica.

Verstappen ha chiuso molto attardato, addirittura 11° e nemmeno Perez, 12°, è andato benissimo.

Le Ferrari sembrano avere un passo discreto, anche e soprattutto per il fatto che Leclerc non ha spinto al limite il suo treno di soft, peraltro rallentato nella seconda parte delle prove libere da un detrito in pista lasciato dalla Sauber di Zhou Guanyu.

I due decimi di distanza che separano Lewis Hamilton, primo assoluto di sessione, lasciano aperti tantissimi spiragli per un'affermazione della Rossa, addirittura in cima alle aspettative dei nostri quotisti.

Giochiamo la vittoria della scuderia di Maranello.

  • Ferrari 2,40
  • Red Bull 2,60
  • McLaren 3,20
  • Mercedes 18,00
  • Aston Martin 51,00