Serie A: Atalanta-Juventus. L'intervista e il pronostico di Fabrizio Ravanelli

Atalanta-Juventus: il pronostico di Ravanelli
Registrati ora Visualizza il mercato

Guarda l'intervista a Fabrizio Ravanelli su Atalanta-Juventus. I bianconeri sono in trasferta a Bergamo con l'obiettivo di ottenere altri tre importanti punti in Serie A. Abbiamo chiesto a Penna Bianca, l'ex attaccante juventino, l'analisi e il pronostico di questa attesissima partita di campionato.

Ormai manca davvero poco al calcio d'inizio di Atalanta-Juventus. L'appuntamento è per mercoledì 26 dicembre allo stadio Atleti Azzurri d'Italia. Per la prima volta, la Serie A si gioca il giorno di Santo Stefano. Leggi l'esclusiva intervista a Fabrizio Ravanelli. L'ex storico attaccante bianconero si racconta davanti ai nostri microfoni e ci regala il suo pronostico della partita della 18esima giornata di Serie A.

Guarda il video completo dell'intervista qui!

Cosa ti ricordi della trasferta vinta 0-1 contro l'Atalanta nella stagione 1995/96 ?
Mi ricordo che avevamo vinto grazie a un mio gol su rigore; è stata una grandissima soddisfazione. Vincere a Bergamo non è mai facile, neppure in negli anni 1995/96 lo era stato. L'Atalanta era una squadra scorbutica e molto ostica da affrontare, così come lo è adesso. È una squadra che gioca un grande calcio. Ricordo quella partita con grande affetto, perché quando riesci a fare gol e vincere 1 a 0, significa che il tuo gol è stato veramente importante perché ha portato tre punti alla tua squadra.

Come paragoni la "tua" Juventus a quella di quest'anno ?
Trovo molte similitudini nelle due squadre. Entrambe hanno grande carattere e determinazione. Questa Juventus sta battendo tutti i record dei record, soprattutto in questo inizio di campionato. Quindi, devo ammettere che sono proprio due grandi Juventus.

Per la prima volta, la Serie A si giocherà il 26 dicembre. Tu avevi già giocato una partita il giorno di Santo Stefano: contro il Middlesbrough in Premier League. Cosa ci racconti di quel giorno? Cosa dovranno aspettarsi i tifosi italiani? Che aria tirava tra i giocatori il giorno di Santo Stefano?
In Inghilterra, è da sempre una grande tradizione. Giocare a Natale è una grande festa, non solo per i giocatori, ma sopratutto per i tifosi. In Inghilterra, le intere famiglie vanno allo stadio e tutti i tifosi sono vestiti da Babbo Natale, quindi è una grande gioia, indipendentemente dal risultato. C'è un'altra mentalità in Inghilterra ed è logico che, se si vince, la festa diventa ancora più grande. Per ciò, credo sarà un'esperienza fantastica anche per l'Italia che, oltre a regalare il grande amore che offre il Natale, potrà regalare anche la soddisfazione dei punti che la Juventus potrà ottenere il giorno di Santo Stefano. E spero sarà di buon auspicio per ottenere tre punti che aiutano a raggiungere l'obiettivo dell'ottavo scudetto.

Come pensi finirà Atalanta-Juventus del 26 dicembre?
Sarà una partita molto difficile. È scontato, per me, dire che possa vincere la Juventus, ma mi aspetto però un incontro non facile. Per ottenere tre punti, la Juventus dovrà giocare una grande partita senza sbagliare nulla perché abbiamo visto che l'Atalanta ha dato del filo da torcere sia al Napoli che all'Inter. Dovrà fornire una grande prestazione come è stata capace di offrire lo scorso anno, ci auguriamo che la Juventus possa tornare da Bergamo con altre tre punti.

Registrati ora Visualizza il mercato