I migliori numeri 10 della storia del calcio: eroi e campioni immortali

migliori n 10 calcio

Mettiamola così: il calcio è uno sport ricco di talenti straordinari, ma poche posizioni sono state così iconiche come quella del numero 10.

Nel corso degli anni, tanti giocatori hanno indossato questo numero con orgoglio e allo stesso tempo sono stati in grado di lasciare un'impronta indelebile nel mondo del calcio.

Proviamo a stilare allora una classifica, ovviamente estremamente opinabile. Perché i numeri dieci sono parte integrante dei sogni, non solo delle solide realtà.

Pelé

Non si può iniziare questa lista senza menzionare il leggendario Pelé, tra i più grandi di tutti.

Il fuoriclasse brasiliano è spesso considerato il più grande di tutti i tempi. Il suo talento straordinario, la visione di gioco e la capacità di segnare gol incredibili lo hanno reso una vera icona.

Pelé ha vinto tre Coppe del Mondo con il Brasile ed è l'unico giocatore ad aver segnato più di 1.000 gol nella sua carriera.

Diego Maradona

Un altro giocatore che è diventato sinonimo del numero 10 è naturalmente Diego Maradona. L'argentino ha incarnato la leggenda vivente, ha guidato la sua nazionale alla vittoria nella Coppa del Mondo del 1986, segnando il famoso "Gol del secolo" e la "Mano de Dios". Iconici.

Maradona era dotato di una tecnica e una creatività eccezionali, che gli hanno permesso di dribblare difensori con facilità e segnare gol spettacolari. In Italia e nel mondo sarà per sempre legato al Napoli: due scudetti, magie infinite.

Lionel Messi

L'unico attualmente in attività: Lionel Messi è tra i migliori della storia, e ha lasciato un'impronta indelebile nel calcio.

Il calciatore argentino ha vinto numerosi titoli con il Barcellona, incluse quattro Champions League, e ha stabilito numerosi record individuali.

La sua velocità, il controllo di palla impeccabile e la capacità di segnare gol incredibili lo hanno reso uno dei giocatori più dominanti della sua generazione.

Per ultima, la Coppa del Mondo del 2022: un sogno diventato realtà.

Johan Cruyff

Johan Cruyff è considerato uno dei pionieri del calcio moderno, e lo inseriamo di diritto tra i migliori numeri 10, anche se sulle spalle era solito indossare un insolito (per l'epoca) numero 14.

Il fuoriclasse olandese ha giocato un ruolo fondamentale nella rivoluzione del "calcio totale" e nella vittoria dell'Olanda all'Europeo del 1988.

Cruyff era noto per la sua visione di gioco, la capacità di dribblare e la precisione nei passaggi.

Ha anche avuto successo come allenatore, guidando il Barcellona alla conquista di quattro titoli di campione di Spagna consecutivi negli anni '90 e alla sua prima Champions League nel 1992.

Michel Platini

Legato principalmente a ricordi juventini, Michel Platini, ex calciatore francese, è ampiamente considerato uno dei migliori centrocampisti di tutti i tempi. E numeri dieci.

Ha guidato la Francia alla vittoria del Campionato d'Europa nel 1984 ed è stato un pilastro della super Juventus degli anni '80.

Platini era noto per la sua visione di gioco, l'intelligenza tattica e la capacità di segnare gol cruciali.

Zinedine Zidane

A proposito di francesi. E di numeri dieci.

Zinedine Zidane, di origine algerina, ha segnato la storia del calcio con le sue abilità e soprattutto la sua eleganza.

È stato un punto di riferimento per il suo paese, guidando la nazionale francese alla vittoria della Coppa del Mondo nel 1998 e all'Europeo nel 2000. Zidane era un maestro nel controllo di palla, nei passaggi precisi e nel segnare gol spettacolari.

Persino con qualche colpo di testa.

Ronaldinho

Il sorriso contagioso e il talento innato hanno reso Ronaldinho una delle figure più amate del calcio.

Il brasiliano ha dato spettacolo, ad aiutarlo sono state anche le sue abilità di dribbling straordinarie, la creatività in campo e la capacità di segnare gol pazzeschi.

Ha giocato un ruolo fondamentale nella conquista del Brasile nella Coppa del Mondo del 2002 e ha trascorso alcune stagioni indimenticabili con il Barcellona, vincendo la Champions League nel 2006.

Roberto Baggio

Roberto Baggio, per tutto il mondo "Il Divin Codino", è stato uno dei migliori attaccanti italiani di tutti i tempi.

Ha rappresentato la nazionale italiana in tre Coppe del Mondo ed è ricordato per aver trascinato la Nazionale fino alla finale del mondiale 1994, concluso poi con un suo rigore alle stelle nella finale contro il Brasile, che nulla toglie però all'importanza del numero 10 azzurro nella storia del calcio.

Baggio era un maestro nella tecnica di controllo di palla, nei dribbling e nei tiri precisi, che lo hanno reso una vera leggenda del calcio italiano e non solo.

Francesco Totti

Francesco Totti è stato l'anima e il simbolo della Roma, e per tutta la sua carriera, decidendo di rimanere in maglia giallorossa nonostante le numerose offerte ricevute.

Un fuoriclasse senza tempo, che ha dimostrato una fedeltà rara nel calcio moderno, dedicando la sua intera carriera al suo club di sempre.

Totti era noto per la sua tecnica impeccabile, il suo tocco di palla elegante e la capacità di creare occasioni e segnare gol spettacolari. È considerato uno dei migliori giocatori italiani di tutti i tempi.

Neymar Jr

Neymar è stato la grande speranza del calcio brasiliano dell'ultimo periodo, diventando il volto della nuova generazione.

Con le sue abilità di dribbling, la velocità e la creatività, ha conquistato i cuori dei tifosi di tutto il mondo. Neymar ha giocato un ruolo fondamentale nel successo del Barcellona e del Paris Saint-Germain, dimostrando di essere uno dei giocatori più completi della sua generazione.