Il Lecce 2022/2023: a caccia della salvezza

Serie A 22/23

Dopo due stagioni i salentini tornano in Serie A con l'intenzione di rimanerci a lungo

Arrivare da neopromossi non è mai semplice, a maggior ragione in un campionato come la Serie A che ha dimostrato di non essere storicamente tenero con le nuove arrivate. Il Lecce prova però ad invertire la rotta con qualche colpo a sensazione.

Dopo due stagioni di purgatorio in Serie B il Lecce è tornato in A, con l'ambizione di rimanere nella massima serie.

Nella scorsa stagione una promozione mai veramente in dubbio ha permesso agli uomini di Baroni di programmare in maniera precisa l'approdo al massimo campionato, anche sotto la guida tecnica esperta di un vecchio volpone del mercato internazionale come Pantaleo Corvino, che ha messo nel motore leccese alcuni innesti interessanti.

Sull'impianto della squadra che tanto bene aveva fatto in serie cadetta sono quindi arrivati giovani in cerca di un trampolino di prestigio, ma il D.S. salentino ha pensato anche all'apporto di esperienza con qualche colpo dai risvolti addirittura clamorosi per una piazza come Lecce, che sogna a questo punto una salvezza tranquilla.

La rosa del Lecce 22/23

Portieri

  • Marco Bleve;
  • Federico Brancolini;
  • Wladimiro Falcone;
  • Jasper Samooja

Difensori

  • Kastriot Dermaku;
  • Mert Çetin;
  • Federico Baschirotto;
  • Alessandro Tuia;
  • Valentin Gendrey;
  • Gianluca Frabotta;
  • Antonino Gallo;
  • Mattia Ciucci;
  • Marin Pongračić;
  • Samuel Umtiti.

Centrocampisti

  • Kristoffer Askildsen;
  • Kristijan Bistrović;
  • Þórir Jóhann Helgason;
  • Joan González;
  • Marcin Listkowski;
  • John Björkengren;
  • Alexis Blin;
  • Morten Hjulmand;
  • Daniel Samek;

Attaccanti

  • Lorenzo Colombo;
  • Federico Di Francesco;
  • Lameck Banda;
  • Joel Voelkerling Persson;
  • Assan Ceesay;
  • Pablo Rodríguez;
  • Gabriel Strefezza.

L'allenatore del Lecce 22/23: Marco Baroni

Per Marco Baroni è la stagione della verità, in cui deve dimostrare di poter essere allenatore da massima serie e non solo condottiero esperto in campionati di B.

Dopo le non brillanti esperienze nella massima serie dovrà fare tesoro degli errori passati per permettere ai salentini di lottare con profitto per la salvezza.

Dopo le due promozioni agguantate in carriera (Benevento 2017 e Lecce 2022) c'è bisogno, insomma, di fare centro anche in serie A.

Le due precedenti esperienze in massima serie si sono risolte amaramente: dalla prima alla giuda del Benevento con tanto di record di sconfitte sconsecutive (ben 9), fino a quella sulla panchina del Frosinone, subentrato a metà campionato ma incapace di portare i ciociari alla salvezza.

Ora tocca al Lecce di cui Baroni è stato anche giocatore sul finire degli anni 80' prima di andare a vincere (con suo gol decisivo all'ultima giornata) uno splendido scudetto nell'ultimo Napoli di Maradona.

Modulo e formazione tipo

Quello di Baroni è un gioco propositivo e lo stesso mister afferma sempre che vuole una squadra che giochi a calcio.

La formazione salentina dovrebbe quindi presentarsi sempre con un 4-3-3 abbastanza fluido, in cui tutti gli interpreti hanno la responsabilità di giocare il pallone in modo costruttivo.

Tante delle fortune salentine passano ovviamente per la coppia difensiva formata da Pongarcic e Umtiti, uomini di caratura internazionale che devono infondere solidità ed esperienza ad una squadra giovane e abbastanza inesperta per questa categoria.

Formazione tipo (4-3-3): Falcone; Pezzella, Umtiti, Pongarcic, Gendrey; Hjulmand, Askildsen, Helgason; Banda, Strefezza, Ceesay.

Il mercato del Lecce 2022

Acquisti

Quella vecchia volpe di Pantaleo Corvino l'ha fatto ancora. Ha messo a segno colpi che fanno sensazione, ora resta da vedere quanto funzionali per una squadra che lotta per la salvezza.

Sono arrivati davvero tanti giocatori in Salento, con una squadra che aveva la necessità di variare uomini per provare a rimanere competitiva in massima serie.

Ovviamente tutti gli occhi sono puntati su Samuel Umtiti, pezzo da 90 che arriva dal Barcellona per rilanciare anche le sue speranze mondiali. Da non sottovalutare Pongarcic, che arriva dalla Bundesliga dove si è sempre disimpegnato con squadre in orbita europea.

Molto dipenderà anche dall'attacco dove Corvino ha messo a segno due colpi che potrebbero trasformarsi in vere e proprie corvinate come ai bei vecchi tempi.

Banda e Ceesay sono uomini tutti da testare per la serie A, ma l'inizio è stato confortante.

Ottimo anche il colpo Askildsen dalla Samp, che fornisce forza ed esperienza per la categoria.

Le cessioni

Nel comparto cessioni si registrano più che altro partenze "di categoria" vale a dire di quei giocatori rodati per la serie B ma che potevano avere delle difficoltà in Serie A.

Sono partite colonne portanti del Lecce della promozione come Di Mariano (Palermo) Majer (Reggina) e capitan Lucioni (Frosinone).

Resta comunque la sensazione di cessioni naturali per provare a rimanere in massima divisione.