La regola dei gol fuori casa: storia e come è stata eliminata

gol trasferta

I gol segnati fuori casa non valgono più doppio in caso di pareggio in una eliminatoria di competizione UEFA

Ad annunciarlo, quattro anni fa, l'organismo calcistico in un comunicato in cui viene specificato che questa regola non avrebbe avuto più effetto dalla stagione 2021-22.

Il calcio, così come lo abbiamo conosciuto, semplicemente sta scomparendo. A partire da questa norma, entrata in vigore nel 1965, che è stata oggetto di dibattito nelle riunioni UEFA degli ultimi tempi e, come riconosciuto nello stesso comunicato, "la questione della sua soppressione è stata discussa in diverse riunioni UEFA negli ultimi anni.

Sebbene non ci sia stata unanimità di opinioni, molti allenatori, tifosi e altre parti interessate al calcio hanno messo in discussione la sua equità e hanno espresso la loro preferenza per l'abolizione della regola". Alla fine, conta il loro parere.

Ma come funziona, adesso, senza la regola del gol in trasferta? Anche qui, molto semplice: le eliminatorie in cui entrambe le squadre terminano i 180 minuti con lo stesso numero di gol, indipendentemente da dove siano stati segnati, dovranno disputare un prolungamento di 30 minuti e, se l'equilibrio non si rompe, decidere la qualificazione ai calci di rigore.

Cosa dicono i numeri

In effetti, da dati Uefa, le statistiche dal 1970 mostrano una chiara tendenza alla riduzione continua della differenza tra il numero di vittorie in casa e fuori casa (dal 61% e 19% al 47% e 30%) e la media dei gol segnati in casa e fuori (da 2,02/0,95 al 1,58/1,15) nelle competizioni maschili, mentre nella UEFA Women's Champions League dal 2009/10, la media dei gol per partita è rimasta molto stabile, con una media generale di 1,92 per le squadre di casa e 1,6 per le squadre ospiti.

Il vantaggio di giocare in casa non è più così importante come un tempo. L'impatto della regola ora va contro il suo scopo originale, poiché, di fatto, scoraggiava le squadre di casa, specialmente nei primi tempi, ad attaccare, perché temevano di subire un gol che avrebbe dato ai loro avversari un vantaggio cruciale. Veniva inoltre criticata anche l'ingiustizia, in particolare nei supplementeri, di costringere la squadra di casa a segnare due volte davanti a una rete ospite.

La fine di una storia

Dunque, il 24 giugno 2021, la UEFA ha emesso un comunicato annunciando l'eliminazione della regola per la stagione successiva, in tutte le sue competizioni.

Ma quali tornei ha davvero "sconvolto"? Ecco: praticamente tutti. La norma era infatti applicata nelle competizioni che coinvolgevano fasi di andata, tra cui le fasi finali e i play-off dalla stagione 2014-15 della UEFA Champions League, le fasi finali della UEFA Europa League e le partite di andata delle qualificazioni per la Coppa del Mondo FIFA e per la UEFA Euro.

Il 15 febbraio 2022, nella partita d'andata degli ottavi di finale di Champions League 2021-22 tra Paris Saint-Germain e Real Madrid, è stata la prima volta che una gara si è giocata senza il raddoppio del "Gol segnato fuori casa".

Dove il gol in trasferta vale ancora doppio?

Nel calcio inglese, le fasi della Coppa di Lega utilizzano la regola solo dopo i tempi supplementari, anche se una squadra ha più gol in trasferta al termine dei 90 minuti regolamentari della partita di ritorno.

Le semifinali di promozione della Football League, nonostante siano a doppia sfida, hanno smesso di utilizzare la regola del gol segnato fuori casa nel 2002.

Poiché il gol segnato fuori casa nei tempi supplementari aveva un valore maggiore, si favoriva la squadra che aveva segnato più gol in trasferta poiché quel gol era considerato come se valesse il doppio rispetto a un gol normale, anche se non veniva riflettuto sul punteggio.

In Sudamerica

La CONMEBOL ha utilizzato in modo eccezionale la regola dei gol segnati fuori casa nella Copa Libertadores del 1988, in cui solo il Nacional riuscì a passare il turno utilizzando questa via contro l'Universidad Católica, dopo aver pareggiato 1-1 in Cile e ottenuto un 0-0 in casa.

Dalla Copa Libertadores del 2005 tale regola è diventata effettiva in tutte le sue competizioni, escludendo il suo utilizzo in finale.

Il club Arsenal de Sarandí ha la particolarità di essere l'unica squadra a essere diventata campione in questo modo nella Copa Sudamericana del 2007, dopo aver ottenuto un 3-2 in trasferta e un 1-2 nel proprio paese, con l'unico gol segnato in trasferta che ha deciso la finale.

Nel 2022, la Confederazione Sudamericana di Calcio ha eliminato la regola per tutte le sue competizioni.

Le partite passate alla storia

Ah naturalmente, tutto questo anche per una semplificazione più netta. Non sempre i calcoli sono stati giusti nel corso della storia, anzi. Il caso più emblematico? Durante il secondo turno della Coppa delle Coppe 1971-72 tra Rangers e Sporting Lisbona, che ebbe i seguenti risultati:

  • Andata: Rangers 3-2 Sporting
  • Ritorno: Sporting 3-2 Rangers
  • Dopo i tempi supplementari: Sporting 4-3 Rangers

Poiché le squadre erano in parità 5-5 nel punteggio complessivo dopo i tempi supplementari, l'arbitro decise di eseguire i calci di rigore, che vinse lo Sporting 3-0.

Tuttavia, i Rangers fecero ricorso alla sconfitta sostenendo che l'arbitro non avrebbe dovuto ricorrere agli undici metri, poiché il gol dei Rangers nei tempi supplementari significava che ora avevano segnato tre gol in trasferta contro i due dello Sporting.

I Rangers vinsero il ricorso e alla fine furono i vincitori della Coppa delle Coppe in quella stagione.

Un'altra situazione curiosa legata alla regola si verificò nelle semifinali della Champions League 2002-03 tra Inter e Milan. Entrambe le squadre, chiaramente, giocano in casa allo Stadio Giuseppe Meazza in San Siro, ma solo una squadra può essere dichiarata casa per volta.

  • Andata: Milan 0-0 Inter
  • Ritorno: Inter 1-1 Milan

Nonostante il punteggio complessivo fosse in parità e entrambe le squadre avessero giocato nel proprio stadio, il Milan fu dichiarato vincitore perché aveva segnato più gol in trasferta, essendo stato ospite nella seconda partita.

Una situazione identica si verificò nella fase a gironi della Coppa Sudamericana 2017 tra Nacional del Paraguay e Olimpia, dove la regola del gol in trasferta favorì il primo dei due, nonostante entrambe le partite della serie si fossero disputate nello stadio Defensores del Chaco.

Quando il gol in trasferta diventa un "caso"

In Messico questa regola ha invece provocato polemiche: prima nella stagione 1987-88, quando América e Morelia si sono affrontati in semifinale. La partita di andata era finita 2-2, mentre al ritorno, disputato allo Stadio Azteca, finì 2-2 dopo i tempi regolamentari e nei supplementari furono segnati altri due gol per squadra (3-3 finale).

Il punteggio generò confusione nell'arbitro, tanto che il pareggio complessivo di 5-5 portò i giocatori del Morelia a credere di essere in finale. L'allenatore del Morelia, Antonio Carbajal, aveva già portato la sua squadra negli spogliatoi, ma l'allenatore dell'América Jorge Vieira si accorse che qualcosa non andava e andò a cercare l'arbitro Miguel Ángel Salas affinché rivedesse il regolamento.

Successivamente Salas controllò e trovò la regola n. 14, che diceva che la regola del gol in trasferta era valida solo nei tempi regolamentari e non nei tempi supplementari, e che in caso di pareggio persistente dopo i supplementari si sarebbero tirati i rigori.