Che partita di Europa League ci guardiamo stasera?

europa leaguer

L'Europa League sa regalare emozioni estranee alle altre due competizioni europee: in primis il calore del pubblico perché, se c'è una competizione dove le tifoserie amano incontrarsi, è proprio questa

In secundis la qualità dei giovani talenti che la popolano, motivati come non mai nel mettersi in mostra in un palcoscenico così ricco di visibilità.

Giunti dunque alla terza giornata del girone, è già momento di piccoli verdetti e calcoli possibili. Ma quali sono le partite più intriganti del turno giornaliero? Andiamo a scoprirlo insieme.

Il calendario

Prima di vedere nel dettaglio cosa e quando seguire oggi in Europa League, ricordiamo le partite che si giocheranno giovedì 26 ottobre 2023, gruppo per gruppo.

  • Gruppo A: Olympiacos - West Ham (18:45), TSC - Friburgo (18:45)
  • Gruppo B: Marsiglia - AEK Atene (18:45), Brighton - Ajax (18:45)
  • Gruppo C: Sparta Praha - Rangers (18:45), Aris Limassol - Real Betis (18:45)
  • Gruppo D: Sturm Graz - Atalanta (18:45), Raków Czestochowa - Sporting CP (18:45)
  • Gruppo E: Liverpool - Tolosa (21:00), Union SG - LASK (21:00)
  • Gruppo F: Panathinaikos - Rennes (21:00), Maccabi Haifa - Villarreal (Posticipata al 9/11)
  • Gruppo G: Roma - Slavia Praga (21:00), Sheriff Tiraspol - Servette (21:00)
  • Gruppo H: Molde - Häcken (18:45), Leverkusen - Qarabağ (21:00)

Cosa guardare? Il nostro consiglio

Il gruppo B, che già a dare un rapido sguardo alle squadre presenti offre incroci vieppiù interessanti, ci regala oggi una sfida semplicemente decisiva: quella tra Brighton e Ajax.

Si potrebbe anche dire: innovazione e tradizione. Almeno in teoria, se è vero che nella pratica De Zerbi ha rimproverato a sé stesso e ai suoi di poter "giocare meglio, ma dobbiamo credere in noi stessi".

Dell'Ajax non parliamone nemmeno, poi. I Lanceri sono a secco di vittorie dopo otto partite, e lunedì il club ha esonerato l'allenatore Maurice Steijn (3N 5P).

Dopo la sconfitta 2-1 in casa contro l'AZ dello scorso 8 ottobre, uno dei leader del gruppo Bergwijn ha detto: "Non è per mancanza di volontà tra i ragazzi. Lavoriamo duramente, ma al gruppo manca molta fiducia". Hedwiges Maduro, nome esotico e spirito d'acciaio, pure ad interim, sarà l'artefice del definitivo crollo o il comandante del risorgimento? Appuntamento alle 18:45 per scoprirlo.

brighyton.jpg

Una sfida 'tradizionale'

Era il 1965 quando, nel fermento del clima conciliare della chiesa cattolica e all'alba dei moti giovanili che si prolungheranno fino alla fine degli anni Settanta, Olympiacos e West Ham United si incontravano in campo europeo. Per blasone dei due club, per tifoserie e valori in campo, questa partita è certamente un 'must-watch' della terza giornata di Europa League. Cinquantotto anni fa i londinesi vinsero il secondo turno di Coppa delle Coppe con un 6-2 complessivo, prima di perdere in semifinale contro il Borussia Dortmund.

Le due squadre si incontreranno nuovamente oggi, ad Atene, per il Gruppo A. L'Olympiakos ha un punto dopo due partite e gli Hammers sono in testa dopo aver battuto TSC Backa Topola e Friburgo. Moyes, tecnico degli inglesi, aveva già affrontato i biancorossi di Atene quando allenava lo United, rimontando lo 0-2 dell'andata agli ottavi di Champions League 13/14 grazie a una tripletta da urlo di Robin Van Persie. Che sia di buon auspicio? Gli dèi dell'Olimpo, si sa, hanno logiche tutte loro.

Altre partite da seguire

Finiamo questa breve presentazione del terzo turno di Europa League con le 'altre partite' da seguire. Il Gruppo C è apertissimo, con tutte e quattro le squadre a tre punti. Questa e la prossima giornata, dunque, potrebbero essere davvero decisive, con Glasgow Rangers e Real Betis che ospiteranno Sparta Praga e Ares Limassol.

Nel Gruppo E, il Liverpool torna a Tolosa dopo aver affrontato la squadra francese nel turno di qualificazione di Champions League nel 2007 - dopo l'1-0 di Voronin, al ritorno i Reds vinsero ad Anfield 4-0. Anche qui per storia, tradizione e tifo, consigliamo vivamente la visione del match. Stesso discorso per Marsiglia vs AEK, con Gattuso alla ricerca di tre punti scacciacrisi.