12-12-2012: 12, il numero della curva, dodicesimo uomo

Un'immagine della Curva Maratona del Torino quando ancora si giocava al "Delle Alpi".

Tante squadre italiane non lo assegnano più ai propri giocatori.

Oggi è il 12 dicembre 2012, 12/12/12 scritto in numeri, una data speciale, con la ricorrenza dello stesso numero, che non si vedeva dall'11 novembre dello scorso anno. E che non vedremo più a meno che non salti fuori un tredicesimo mese nel 2013...
Il numero 12 nel calcio è principalmente legato al secondo portiere anche se sappiamo bene che nel gioco moderno non esistono più regole fisse sulla numerazione. Siamo ormai abituati a vedere portieri che non portano il numero 1, così come attaccanti indossare il 12 (es. Giovinco).

giovinco12.jpg

Una tradizione che è rimasta invece intatta con il tempo, è quella che correla il numero 12 ai tifosi più caldi di una squadra, coloro che sono definiti "il dodicesimo uomo in campo".

Dieci squadre italiane hanno addirittura ritirato il numero 12 in segno di riconoscimento verso i propri tifosi:
Atalanta: in segno di riconoscimento verso la Curva Pisani.
Cesena: in segno di riconoscimento verso la Curva Mare.
Genoa: in segno di riconoscimento verso la Gradinata Nord.
Juve Stabia: in segno di riconoscimento verso la Curva Sud.
Lazio: in segno di riconoscimento verso la Curva Nord.
Lecce: in segno di riconoscimento verso i tifosi salentini.
Palermo: in segno di riconoscimento verso i tifosi palermitani.
Parma: in segno di riconoscimento verso la Curva Nord.
Pescara: in segno di riconoscimento nei confronti del deceduto capo ultras Marco "Bubù" Mazza, leader dei Pescara Rangers.
Torino: in segno di riconoscimento verso la Curva Maratona.

Per la stessa ragione anche alcune squadre estere hanno applicato questo criterio. Fra le più importanti segnaliamo il Flamengo che non assegna più la maglia n.12 come segno di rispetto verso il pubblico del mitico Maracanà.

E nella Serie A 2012/13 chi indossa questo numero?
Nel Bologna è appannaggio di Andrea Pisanu, davvero ai margini della rosa, nel Catania è del terzino Marchese autore di un ottimo campionato, nel Chievo lo indossa il difensore sloveno Cesar.
Giovinco lo indossa nella Juve come detto precedentemente, nel Milan non ha portato bene al "desaparecido" Traoré, mentre nella Samp ci gioca Tissone.
Fiorentina, Inter e Siena hanno dei numeri 12 canonici perché assegnati ai portieri di riserva: rispettivamente lo troviamo sulle spalle di Lupatelli, Castellazzi e Farelli.

Cagliari, Napoli e Roma non hanno assegnato la maglia numero 12 in questa stagione. Magari la prenderà qualche acquisto di gennaio...